CEDU: discriminatorio non consentire alla madre di imporre solo il proprio cognome ai figli

La Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (con sentenza del 7.01.2014 che dirime il caso Cusan e Fazzo contro Italia) ha statuito, a maggioranza , che l'Italia ha commesso "una violazione dell'articolo 14 ( divieto di discriminazione) della Convenzione europea dei diritti dell'uomo nonchè dell'articolo 8 ( diritto al rispetto della privata e familiare) della Convenzione " nella misura in cui nega ai genitori il diritto di trasmettere ai figli il cognome della madre con esclusione di quello del padre, anche in presenza di un accordo tra i coniugi

Fatti principali
I ricorrenti , Alessandra Cusan e Luigi Fazzo, entrambi cittadini italiani e sposati, ebbero nel 1999 il loro primo figlio. Il signor Fazzo chiese allora di inserire sua figlia sul registro civile sotto il nome di famiglia di sua madre, cioè , Cusan, ma la sua richiesta venne respinta e il bambino venne registrato con il cognome del padre, Fazzo .

La coppia presentò ricorso contro tale decisione , sostenendo che non vi era alcuna disposizione di legge italiana che impediva alla loro figlia di ottenere solo il cognome di sua madre . Il tribunale di primo grado respingeva tale ricorso, osservando che anche se non c'era nessuna disposizione di legge italiana che obbliga un bambino nato per una coppia sposata da registrare sotto il cognome del padre , questa regola corrisponde ad un principio radicato nella coscienza sociale e nella storia italiana, notando altresì che tutte le donne sposate hanno i cognomi dei loro mariti e considerato che i bambini potrebbero essere registrati solo sotto questo cognome, che è stato condiviso dai coniugi.

La Corte d'appello confermava tale sentenza. Osservano i giudici di secondo grado che la Corte Costituzionale ha più volte dichiarato che l'impossibilità di trasmettere il cognome della madre ai figli legittimi non viola nessuno dei principi sull'eguaglianza morale e giuridica dei coniugi , né di uguaglianza dei cittadini, come protetto e garantito dalla Costituzione italiana . La Corte d'appello sottolineava altresì che la Corte costituzionale aveva indicato nel Parlamento la sede idonea a decidere in merito all'opportunità di introdurre un diverso sistema per il conferimento cognomi .

I ricorrenti hanno presentato ricorso in Cassazione. La Suprema Corte ha sospeso il procedimento e ha disposto che il fascicolo trasmesso alla Corte Costituzionale. Con sentenza del 16 febbraio 2006 , la Corte costituzionale ha dichiarato la questione inammissibile. Invero, pur ritenendo che il sistema in vigore derivato da una comprensione patriarcale della famiglia e dei poteri del marito, che aveva le sue radici nel diritto romano, non era più compatibile con il principio costituzionale della parità tra uomini e donne , tuttavia , ha ritenuto che solo il Parlamento potrebbe decidere su quale delle diverse soluzioni disponibili dovrebbe essere adottato.

Il 29 maggio 2006 la Corte di Cassazione ha preso atto della decisione della Corte Costituzionale e ha respinto il ricorso dei ricorrenti.

Il 31 marzo 2011 Alessandra Cusan e Luigi Fazzo facevano istanza al ministro dell'Interno affinchè consentisse loro di aggiungere il cognome della madre ai cognomi dei figli nati dal loro matrimonio . Con un decreto del 14 dicembre 2012, il Prefetto di Milano ha autorizzato i coniugi cambiare il cognome dei loro figli a "Fazzo Cusan".

La sentenza della Corte

Invocando l'articolo 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare ) , da solo o in combinato disposto con l'articolo 14 ( divieto di discriminazione ) , i ricorrenti lamentavano il rifiuto delle autorità italiane di concedere loro richiesta di dare loro figlia il cognome di sua madre , e del fatto che la legislazione italiana al momento dei fatti ha reso obbligatori dare il cognome del padre ai figli legittimi . Essi ritengono che la legge avrebbe dovuto permettere ai genitori di scegliere il cognome dei loro figli.

Invocando l'articolo 5 del Protocollo n ° 7 (uguaglianza tra i coniugi ) , preso da solo o in combinato disposto con l'articolo 14 , i ricorrenti hanno ritenuto che le disposizioni di legge vigenti in materia di attribuzione di un nome di famiglia ai figli legittimi non garantiscono la parità tra coniugi e che l'Italia avrebbe dovuto prevista la possibilità di attribuire il cognome della madre , ritenuto che i genitori erano d'accordo su questo tema .

La Corte ha rilevato che la discriminazione esiste laddove vi sia una differenza nel trattamento delle persone in situazioni analoghe , senza una giustificazione oggettiva e ragionevole . Una differenza di trattamento è discriminatoria ai sensi dell'articolo 14, se non ha alcuna giustificazione obiettiva e ragionevole . La motivazione deve essere valutata in relazione ai principi che normalmente prevalgono nelle società democratiche . La regola secondo la quale i figli legittimi hanno avuto il cognome del padre alla nascita era implicita da una serie di articoli del codice civile italiano. La legislazione nazionale non prevede alcuna"
eccezione a questa regola . Certo, il Prefetto di Milano aveva autorizzato i ricorrenti ad aggiungere il cognome della madre per il nome del bambino . Tuttavia, questo cambiamento non era equivalente a conferire il cognome della madre da sola, come i ricorrenti avrebbero voluto, ma si attesta solo ad aggiungere il cognome della madre a quello del padre .

La Corte è quindi del parere che, nel contesto di tramandare il nome della famiglia, il padre del bambino e la madre siano stati trattati in modo diverso . A differenza del padre, e nonostante un accordo tra i coniugi , la madre non era stata in grado di ottenere l'autorizzazione di dare il suo cognome al bambino.

La Corte ha ribadito richiamando la sua giurisprudenza l'importanza di muoversi verso la parità di genere ed eliminare qualsiasi discriminazione basata sul sesso nella scelta del cognome, ribadendo come la tradizione che conferisce il cognome del padre a tutti i membri di una famiglia non poteva giustificare una discriminazione nei confronti delle donne.

Nel caso di specie , la scelta del cognome del figlio è stata determinata esclusivamente sulla base del sesso dei genitori. In realtà la regola che il cognome del padre sia tramandato ai figli legittimi non è necessariamente incompatibile con la Convenzione, ma il fatto che era impossibile derogare è eccessivamente rigido e discriminatorio nei confronti delle donne

Redazione: Tel 0958365088 - Email: redazione@dirittoitaliano.com