Ceida: Open day sui beni confiscati

La CEIDA (Scuola Superiore di amministrazione pubblica e degli enti locali) organizza a Roma, presso la Villa Palestro, l' "Open day sui beni confiscati", avente come tema la gestione e il riutilizzo dei beni sequestrati e confiscati.

Sono circa 10.500 i beni immobili attualmente sequestrati nel nostro Paese (Dati ANBSC). La valorizzazione di questo ingente patrimonio immobiliare rende necessario formare dirigenti, funzionari, tecnici, esponenti della società civile in grado di provvedere a una adeguata gestione, assegnazione e riutilizzo a fini sociali di tali beni.

L'Open Day sui beni confiscati è un evento pubblico, aperto a tutti, che il CEIDA organizza per mercoledi 10 ottobre 2018 al fine di sensibilizzare sulla tematica e, nel contempo, inaugurare il Master "La gestione e il riutilizzo dei beni sequestrati e confiscati nella riforma del codice antimafia" (10 ottobre - 14 dicembre 2018, informazioni sul sito www.ceida.com). Il Master intende formare personale e professionisti in grado di sostenere i percorsi di assegnazione dei BSC per realizzare progettualità territoriali complesse secondo principi solidali di coesione e inclusione sociale.

Sono invitati a partecipare:
On. Roberto Fico, Presidente della Camera dei Deputati,
Prefetto Franco Gabrielli, Capo della Polizia di Stato - Direttore generale del Dipartimento della Pubblica Sicurezza;
Gen. C.A. Giovanni Nistri, Comandante generale dell'Arma dei Carabinieri
Prefetto Ennio Mario Sodano, Direttore ANBSC;
Dott. Giampiero Cioffredi, Presidente dell'Osservatorio sulla legalità della Regione Lazio;
Dott. Franco La Torre, già Presidente di FLARE, Rete europea delle organizzazioni al contrasto del crimine organizzato;
Don Armando Zappolini, Presidente del C.N.C.A.

Di seguito, si riportano le informazioni sul Master:

M241 MASTER SULLA GESTIONE E IL RIUTILIZZO DEI BENI SEQUESTRATI E CONFISCATI NELLA RIFORMA DEL CODICE ANTIMAFIA
- AGGIORNAMENTI PROCEDURALI PER L’ASSEGNAZIONE A FINI DI UTILITÀ SOCIALE DEI B.S.C.


DURATA 7 giorni articolato in tre moduli frequentabili anche singolarmente
PERIODI DI SVOLGIMENTO 10-11 ottobre 2018 14-15 novembre 2018 12-13-14 dicembre 2018
QUOTA DI PARTECIPAZIONE: euro 1.000,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici)
COORDINATRICE DEL CORSO Dott.ssa Antonella SAPIO Neuropsichiatra, Formatrice, Esperta in Welfare

RELATORI Avv. Luca D’AMORE Amministratore giudiziario Tribunale di Roma
Avv. Annamaria COSTABILE Esperto in gestione delle acquisizioni gratuite al patrimonio Roma Capitale
Dott. Davide FRANCO Commercialista, Amministratore giudiziario Tribunale di Roma
Avv. Marco MORELLI Esperto in gestione del patrimonio pubblico
Dott. Guglielmo MUNTONI Tribunale di Roma, Presidente III Sezione penale "Misure di prevenzione"
Dott. Ennio Mario SODANO Prefetto, Direttore ANBSC
Secondo gli ultimi dati dell’ANBSC, sono circa 10.500 i beni immobili attualmente sequestrati nel nostro Paese. Le regioni con maggiore quantità di immobili, aziende e società sequestrate sono Sicilia, Campania, Lazio, Calabria e Puglia e Lombardia ma sono presenti BSC in quasi in tutte le regioni italiane. Si rende quindi necessario formare una generazione di dirigenti e funzionari in grado di provvedere ad una adeguata gestione e assegnazione a fini sociali di tale ingente patrimonio immobiliare che, a causa di lungaggini burocratiche, rischia di essere esposto all’abbandono e al degrado con conseguenti costi notevoli per il recupero.
Il Master risponde, dunque, alla esigenza di concretizzare un percorso formativo che si prefigga l’obiettivo di formare il personale destinatario del corso, avendo anche la finalità di sostenere i percorsi di assegnazione a fini sociali dei BSC, consentendo ai soggetti di terzo settore di realizzare progettualità territoriali complesse ispirate a principi solidali di coesione e inclusione sociale, sussidiarietà e sostenibilità ambientale nell’ottica di un nuovo welfare di comunità.

DESTINATARI - avvocati, commercialisti, architetti, ingegneri e altre figure professionali che, per quanto di loro competenza, intervengono nel processo che porta dalla confisca alla realizzazione di un progetto connesso
al BSC;
- dirigenti, funzionari e dipendenti di tutte le amministrazioni dello Stato e degli Enti Locali;
cooperative sociali, soggetti di terzo settore ed esperti di progettazione che richiedano l’assegnazione di
BSC;
- dirigenti, funzionari e dipendenti dei Tribunali civili e penali;
- dirigenti, funzionari e dipendenti delle forze dell’ordine (Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Carabinieri,
ecc.);
- giovani laureati che intendano specializzarsi nella materia;
- funzionari di Enti Locali che gestiscono richiesta e assegnazione di BSC;
- operatori che, in qualità di amministratori giudiziari, custodiscano e gestiscano BSC;
- manager ed esperti di marketing che si occupino di curare la produttività e l’immagine di beni e/o aziende
confiscate alla criminalità organizzata;
- funzionari addetti alla gestione di problematiche finanziarie, bancarie e assicurative relative ai BSC.
E' prevista, a richiesta, la concessione di crediti formativi per Avvocati.

PROGRAMMA
1° modulo (A647)
10-11 ottobre 2018
(Per il programma del modulo, cliccare sul seguente titolo)
Il sequestro e la confisca dei beni come strumento delle politiche per la legalità e la sicurezza
2° modulo (A648)
14-15 novembre 2018
(Per il programma del modulo, cliccare sul seguente titolo)
L’amministratore giudiziario: obblighi, competenze, responsabilità
3° modulo (A649)
12-13-14 dicembre 2018
(Per il programma del modulo, cliccare sul seguente titolo)
>Il ruolo dell’Ente locale e del Terzo settore nella assegnazione dei beni confiscati. Attori istituzionali e sociali
VALUTAZIONE FINALE
A richiesta dei partecipanti sarà rilasciato il titolo di Master con valutazione finale espressa in sessantesimi a chi:
• abbia frequentato l’intero Master
• affronti gli argomenti trattati in una prova finale

Redazione: Tel 0958365088 - Email: redazione@dirittoitaliano.com