Le sentenze di giugno

Le sentenze pubblicate nel sito durante il mese di giugno.

Tribunali e Corti d'appello


Tribunale Catania - Sez. Lavoro -Sentenza 2412/18 del 30.05.2018
La statuizione sulle spese va compiuta sulla base del principio di soccombenza virtuale, che impone la verifica della fondatezza della domanda proposta dall’opponente, verifica che, alla luce di quanto sopra esposto, non può che avere esito positivo


Tribunale Catania - Sez. Lavoro -Sentenza 2368/18 del 28.05.2018
Va disattesa l’eccezione del concessionario, secondo cui il decorso della prescrizione sarebbe stato sospeso dal 2/1/2014 al 15/06/2014 per effetto di quanto disposto dalla legge 27 dicembre 2013 n. 147, che ha previsto all'articolo 1, commi 618 e ss., la cosiddetta "rottamazione dei ruoli" ("Relativamente ai carichi inclusi in ruoli emessi da uffici statali, agenzie fiscali, regioni, province e comuni, affidati in riscossione fino al 31 ottobre 2013, i debitori possono estinguere il debito con il pagamento:…"); ed invero, la norma concerne esclusivamente i carichi inclusi in ruoli emessi da "uffici statali, agenzie fiscali, regioni, province e comuni"; non vi è dubbio che l'Inps non rientra tra gli "uffici statali"; come ritenuto da Equitalia nella circolare n. 37 del 20 gennaio 2014, gli "uffici statali" vanno intesi come "uffici dell'amministrazione statale in senso stretto", nell'ambito dei quali non possono farsi rientrare gli istituti previdenziali ed assistenziali quali l'Inps e l'Inail


Tribunale Padova - Seconda civile -Sentenza 848/18 del 18.04.2018
Trattandosi di un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, l’onere di attivare la procedura di conciliazione è da rinvenirsi in capo all’attore-opponente il quale ha interesse a stimolare la prosecuzione del presente procedimento di opposizione al fine di ottenere, in caso di fondamento delle proprie doglianze, la revoca del decreto emesso a favore dall’istituto di credito nella procedura monitoria




Commissioni Tributarie

Commissione Tributaria Provinciale Catania - Sez. Quarta -Sentenza 1030/18 del 26.01.2018
Il procedimento di notifica dell'avviso di accertamento eseguito tramite agenzia privata è effettuato con modalità non contemplate dall'ordinamento, con conseguente inesistenza giuridica della notifica

Commissione Tributaria Provinciale Catania - Sez. Sesta -Sentenza 6297/18 del 25.05.2018
Cartella di pagamento IRAP - notifica a mezzo poste private - inesistenza - sussiste


CORTE DI CASSAZIONE

Civile


Corte di Cassazione - Sez. Sesta civile -Ordinanza 15223 del 12.06.2018
"L'opposizione proposta avverso l'intimazione di pagamento è una opposizione all'esecuzione, ex art. 615 cod. proc. civ., per la quale non è previsto alcun termine di decadenza; ed infatti, essendo stato eccepito un fatto estintivo (la prescrizione della pretesa contributiva di cui all'intimazione di pagamento) intervenuto dopo la formazione del titolo (il decorso del termine di decadenza per opporre la cartella di pagamento), ciò che è stato contestato è il diritto sostanziale del creditore a conseguire coattivamente la prestazione rimasta inadempiuta"


Corte di Cassazione - Sez. Sesta civile -Ordinanza 15274 del 12.06.2018
"La cartella di pagamento per il recupero di contributi della cassa Geometri si prescrive con il decorso del termine quinquennale"

Corte di Cassazione - Sez. Quinta -Ordinanza 15003 del 08.06.2018
"Nella specie vi è stata una successione nell'universalità dei rapporti facenti capo al soggetto inizialmente considerato (Equitalia), con trasferimento dei rapporti pendenti (art.111 c.p.c.), nel caso specifico concernenti lo svolgimento della funzione disciplinata dalla legge.
Il processo può, conseguentemente proseguire."

Corte di Cassazione - Sez. Sesta civile -Ordinanza 15261 del 12.06.2018
"All'indicazione dei numeri delle cartelle sull'avviso di ricevimento non può essere riconosciuta fede privilegiata, in quanto essa non è riconducibile all'agente postale"

Redazione: Tel 0958365088 - Email: redazione@dirittoitaliano.com