Le sentenze di ottobre

Le sentenze pubblicate nel sito durante il mese di ottobre.

SENTENZE DI MERITO

Tribunali e Corti d'Appello

Tribunale Catania - Sez. Lavoro -Sentenza 3746 del 28.09.2017
"Per l’iscrizione alla gestione assicurativa dei commercianti, è necessario che i soci di società in nome collettivo abbiano la piena responsabilità dell’impresa e assumano tutti gli oneri e i rischi relativi alla sua gestione e partecipino al lavoro aziendale con il carattere dell’abitualità e della prevalenza. La prova in ordine alla ricorrenza delle condizioni di cui si è dato conto grava sull’INPS"

Tribunale Catania - Sez. Lavoro -Sentenza 4129 del 17.10.2017
"In caso di avvenuta presentazione dei ricorsi amministrativi previsti dal d.lg. 11 agosto 1993 n. 375, art. 11, contro i provvedimenti di mancata iscrizione, totale o parziale, negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli, ovvero di cancellazione dagli elenchi medesimi, il termine di 120 giorni per l'esercizio dell'azione giudiziaria stabilito dall'art. 22 d.l. 3 febbraio 1970 n. 7, convertito dalla l. 11 marzo 1970 n. 83, decorre dalla definizione del procedimento amministrativo contenzioso, che coincide con la data di notifica all'interessato del provvedimento conclusivo espresso, se adottato nei termini previsti dall'art. 11, cit., ovvero con la scadenza di questi stessi termini nel caso del loro inutile decorso, dovendosi equiparare l'inerzia della competente autorità a un provvedimento tacito di rigetto conosciuto ex lege dall'interessato al verificarsi della descritta evenienza"


Tribunale Catania - Sez. Fallimentare -Decreto del 19.10.2017
"Le rate successive, oltre a gravare in primo luogo sulle retribuzioni mensili corrisposte dal nuovo datore di lavoro obbligato alla relativa trattenuta, non sono nemmeno passibili di ammissione a valere sul t.f.r. ammesso in favore del lavoratore, in quanto si tratta di un diritto di credito non determinabile, perché variante di mese in mese."

Corte d'Appello Catania - Sez. Lavoro -Sentenza 1056/17 del 10.10.2017
"Il ricorso contenente l'opposizione è un tipico atto processuale, attraverso il quale si instaura una controversia innanzi ad un giudice, cui pertanto si applica pacificamente l'art. 155 c.p.c. che prevede la proroga del termine con scadenza al sabato."


Giudici di Pace



Commissioni Tributarie

Commissione Tributaria Provinciale Catania - Sez. 14 -Sentenza 9141 del 02.10.2017
"Dalla produzione della copia di una ricevuta di raccomandata del preavviso di fermo indirizzata al contribuente, non viene provato il contenuto dell'atto atteso che l'eventuale riferimento alle cartelle de quibus dovrebbe farsi risalire ad un "inquiry del fascicolo cartelle" che nulla prova circa l'effettiva comunicazione al contribuente del preavviso di fermo"

Commissione Tributaria Provinciale Catania - Sez. 17 -Sentenza 9187 del 28.09.2017
"Trattandosi di un tributo per il quale non è previsto dal Legislatore uno specifico termine di prescrizione, la TARSU deve considerarsi soggetta all'ordinario termine di prescrizione di cinque anni previsto dall'art. 2948 n. 4 c.c. per tutte le prestazioni periodiche, poiché si tratta di un tributo dovuto, appunto, in relazione ad una prestazione periodica"

Commissione Tributaria Provinciale Milano - Sez. 17 -Sentenza 3690/2017 del 23.05.2017
"Affinchè la notifica via PEC effettuata da Equitalia sia valida occorre che l'intimazione di pagamento sia prodotta da un documento informativo allegato alla PEC sottoscritto digitalmente e cioè avere un'estensione del file in p7m. In mancanza la notifica effettuata da Equitalia è chiaramente inesistente"

Commissione Tributaria Provinciale Vicenza - Sez. 3 -Sentenza 504 del 29.06.2017
"Quello che rileva è il valore della controversia e non certo il valore del singolo atto contenente il tributo, e il valore della lite, in caso di ricorso cumulativo, ovvero di ricorso proposto avverso più provvedimenti, è dato dalla somma dei vari tributi (o delle varie uniche sanzioni) contenuti nei provvedimenti impugnati."

Commissione Tributaria Regionale Campania - Sez. 22 -Sentenza 6269 del 03.07.2017
"In tema di accertamento tributario, delega di firma o di funzioni di cui all'art. 42 del dP.R. n. 600 del 1973 deve necessariamente indicare il nominativo del delegato, pena la sua nullità, che determina, a sua volta, quella dell'atto impositivo. Il solo possesso della qualifica non abilita il direttore tributario alla sottoscrizione, dovendo il potere di organizzazione essere in concreto riferibile al capo dell'ufficio."

Commissione Tributaria Regionale Molise - Sez. 1 -Sentenza 590 del 12.10.2017
"Il rispetto del termine breve per l'appellante è legato al momento di spedizione del plico raccomandato (in questo caso) contenente l'impugnazione"

Commissione Tributaria Regionale Molise - Sez. 2 -Sentenza 575 del 10.10.2017
"Per disconoscere il credito d'imposta (acconti versati nella fattispecie) è necessario un avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate non essendo sufficiente l'avviso bonario successivo a un controllo automatizzato. Ciò perché la procedura automatizzata di cui all'art. 36-bis del D.P.R. n.600/1973 ed all'art. 54-bis del D.P.R. n . 633/1972 può essere adottata solo ove sia necessario un controllo meramente cartolare della dichiarazione."



CORTE DI CASSAZIONE

Civile



Corte di Cassazione - Sez. Sesta civile -Ordinanza 23192 del 04.10.2017
"In tema di contratto di mutuo, l'art. 1 della I. n. 108 del 1996, che prevede la fissazione di un tasso soglia al di là del quale gli interessi pattuiti debbono essere considerati usurari, riguarda sia gli interessi corrispettivi che quelli moratori"

Corte di Cassazione - Sez. Seconda civile -Ordinanza 25739 del 30.10.2017
"In quanto fra i termini sospesi nel periodo feriale vanno ricompresi non solo i termini inerenti alle fasi successive all'introduzione del processo, ma anche il termine entro il quale il processo stesso deve essere instaurato quando l'azione in giudizio rappresenta l'unico rimedio per far valere il diritto - la sospensione si applica anche al termine previsto dall'articolo 4 della legge 89 per la proposizione della domanda."

Redazione: Tel 0958365088 - Email: redazione@dirittoitaliano.com