Testamento olografo

  • Stampa

Testamento olografo






L’anno duemiladieci, questo giorno ventiquattro del mese di giugno in Roma io sottoscritta Cornelia Corneli nata a Pordenone il 24 settembre 1900 e residente in Pordenone Via del mare n.58, sana di mente e di corpo, volendo disporre delle mie sostanze per il tempo successivo alla mia morte, nomino miei eredi;
- Tizio nato a ___________ il _____________ e residente in ________
- Caio nato a ___________ il _____________ e residente in ________
Inoltre lascio
€ 5.000,00 a Sempronio nato a ___________ il _____________ e residente in ________;
€ 5.000,00 a Mevio nato a ___________ il _____________ e residente in ________;
€ 3.000,00 a Giuditta nata a ___________ il _____________ e residente in ________;
€ 1.000,00 alla Parrocchia ________________________;
Inoltre, dovranno essere destinate per l’adozione a distanza del bambino Ariel la somma di € 300,00 ad ogni Natale per i dieci anni successivi alla mia morte, somma da inviare al seguente indirizzo:
Istituto ::::::::::::::::::::::::::: con sede in ______________ Via ______________ . Cornelia Corneli






Art. 602 c.c. Testamento olografo
Il testamento olografo deve essere scritto per intero, datato e sottoscritto di mano del testatore (684). La sottoscrizione deve essere posta alla fine delle disposizioni. Se anche non è fatta indicando nome e cognome, è tuttavia valida quando designa con certezza la persona del testatore.
La data deve contenere l’indicazione del giorno, mese e anno. La prova della non verità della data è ammessa soltanto quando si tratta di giudicare della capacità del testatore (591), della priorità di data tra più testamenti (682) o di altra questione da decidersi in base al tempo del testamento (651, 656, 657).

Redazione: Tel 0958365088 - Email: redazione@dirittoitaliano.com