Atto di citazione - sinistro stradale - danno non patrimoniale - domanda proposta dal terzo trasportato ex art. 141 cod. ass.

  • Stampa

Giudice di Pace di....
ATTO DI CITAZIONE

Il sig. PRIMO nato a _______ il _________ C.F. _______________________ residente in ____________________ (___), Via _________ n.__, e la sig.ra SECONDA nata a ___________- il ________ C.F.: ________________, residente in ___________, Via _______ n.___; entrambi elettivamente domiciliati in ________________ preso lo studio dell’avv. ____________________ che li rappresenta e difende giusta delega in calce al presente atto, (Si dichiara espressamente ai fini e per gli effetti degli artt. 133, 134 e 136, comma 3, c.p.c. di voler ricevere le comunicazioni di Cancelleria al seguente numero di fax:____________)


PREMESSO CHE

1. in data _________, alle ore ______ circa, in ___________, il sig. Primo si trovava, alla guida dell’autovettura XX tg. XX di proprietà della sig.ra Sempronia, con a bordo la sig.ra Seconda , a percorrere a moderata andatura Via ______________-, proveniente dalla Via ______________-, con direzione Via delle Case Rosse;
2. giunto in prossimità dell’intersezione stradale con Via __________, veniva violentemente urtato nella parte laterale anteriore sinistra dall’autovettura YY tg. YY di proprietà del sig. Quarto e condotta dal sig. Quarto bis, il quale percorreva Via __________ proveniente da via ______________- con direzione Via ______________-;
3. quest’ultimo ometteva di dare la dovuta precedenza al sig. Primo, come prescritto dalla segnaletica verticale ivi presente nonchè dall’art. 145, comma 2, C.d.S. ove testualmente si legge: «Quando due veicoli stanno per impegnare una intersezione, ovvero laddove le loro traiettorie stiano comunque per intersecarsi, si ha l'obbligo di dare la precedenza a chi proviene da destra, salvo diversa segnalazione»;
4. stante la dinamica del sinistro, appare inconfutabile la responsabilità esclusiva del sig. Quarto bis, per aver questi violato tanto la normativa del Codice della Strada quanto i precetti dell’ordinaria prudenza, come, d’altro canto, si evince dalla “Relazione Incidente Stradale” redatta dagli agenti del Corpo della Polizia Municipale del ___ Gruppo Municipale, intervenuti sul luogo del sinistro. Più specificamente il sig. Quarto bis riferiva ai predetti agenti: «Percorrevo Via ______________- con direzione Via ______________-. Giunto all’incrocio con la stessa Via ______________-, non essendo pratico della zona, non mi avvedevo del segnale verticale di dare precedenza, anche perché coperto dalla vegetazione di una pianta. Ho frenato ed usato il segnale acustico, ma non riuscivo a evitare l’urto» (doc.1);
5. in seguito all’urto, l’automobile della sig.ra Terzasubiva ingenti danni alla carrozzeria ed alla meccanica, tali da renderne antieconomica la riparazione (doc.2);
6. nella medesima circostanza, il sig. Primo , a seguito dell’urto, lamentava dolori al torace, alla spalla sinistra ed al ginocchio destro. Altresì, la sig.ra Seconda a seguito del medesimo sinistro lamentava dolori alla schiena, al collo, al capo, all’addome ed al piede sinistro.
Entrambi gli attori venivano, pertanto, accompagnati presso il P.S. dell’Ospedale “__________” di ___________ (docc. 3 e 4). Inoltre, dalle lesioni subite sia dal sig. Primo , sia dalla sig.ra Seconda sono residuati esiti di carattere permanente, come indicato nelle rispettive relazioni del Dott. Flavio(docc.5 e 6);
7. in data _________, venivano inoltrate alla “AlfaS.p.A.”, Compagnia assicuratrice del veicolo di proprietà della sig.ra Terza(doc.7), formali richieste di risarcimento danni rispettivamente in nome e per conto del sig. Primo e della sig.ra Seconda , rispettivamente ai sensi e per gli effetti di cui agli artt. 145 e 149 (doc.8) nonchè agli artt. 141, 145 e 148 D. Lgs. 7 settembre 2005, n.209 (doc 9).
8. la società convenuta nulla ha eccepito con riferimento all’an debeatur. A conferma di ciò, con racc. del ___________ la “AlfaS.p.A.” provvedeva all’integrale risarcimento del danno materiale subito dalla sig.ra Terzanel medesimo sinistro, tramite l’assegno bancario n. ________________ dell’importo di $ ______________- (doc.10) ;
9. in data __________, entrambi gli odierni attori si sottoponevano a visita medico legale presso lo studio del dott. __________, medico fiduciario della AlfaS.p.A.;
10. con successiva racc. a/r del ____________ inoltrata alla compagnia convenuta a firma dell’Avv. Tullio, il sig. Primo, in via del tutto transattiva quantificava in $ 4.432,61 il danno derivante dalle lesioni subite a seguito del sinistro de quo, allegando prospetto analitico delle voci di danno (doc. 11). Inoltre, con racc. a/r in pari data inoltrata alla Alfa, lo stesso Avv. Tullio quantificava in $ 5.759,11 il danno conseguente alle lesioni patite dalla sig.ra Seconda (doc.12);
11. con racc. del __________ l’Alfa S.p.A. offriva al sig. Primo a titolo di risarcimento dei danni subiti a seguito del sinistro de quo l’importo di $ 1.700,00 oltre $ 350,00 a titolo di onorari e così per un totale di $ 2.050,00 a mezzo dell’assegno bancario n. ______________ (doc.13);
12. con racc. del __________ l’Alfa S.p.A. offriva alla sig.ra Seconda a titolo di risarcimento dei danni subiti a seguito del sinistro de quo l’importo di $ 1.700,00 oltre $ 350,00 a titolo di onorari e così per un totale di $ 2.050,00 a mezzo dell’assegno bancario n. ____________ (doc. 14);
13. gli odierni attori trattenevano le rispettive somme a titolo di acconto sul maggiore avere, stante la palese incongruità delle offerte formulate dalla controparte;
14. con riferimento alle lesioni patite dagli attori, vertendosi in tema di lesioni colpose, si richiede la liquidazione del danno morale;
15. vano è risultato ogni ulteriore tentativo di bonario componimento.

Ciò premesso gli esponenti, come in epigrafe rappresentati, difesi e domiciliati
CITANO
la “ALFAS.p.A.” in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in _________, Via _____________ n. __ (_________) a comparire dinanzi al Giudice di Pace di ___________, nota sede di Via ___________ n. __, Sezione e Giudice designandi, all’udienza del ______________ ore di rito – con invito a costituirsi in giudizio nel termine di venti giorni prima dell’udienza indicata ai sensi e nelle forme stabilite dall’art. 166 c.p.c, e con avvertimento che la costituzione oltre i suddetti termini implica le decadenze di cui agli artt. 38 e 167 c.p.c. e che in difetto di costituzione si procederà in loro contumacia ai sensi dell’art. 171 c.p.c – per ivi sentir accogliere le seguenti

CONCLUSIONI

Voglia l’Ill.mo Giudice di Pace adito, ogni contraria eccezione o deduzione reietta, così decidere:
- In via preliminare, esperire il tentativo di conciliazione ai sensi dell’art. 320 co.1, c.p.c.;
- nel merito, accertare e dichiarare l’esclusiva responsabilità della sig. Quarto bis in ordine alla produzione del sinistro in premessa e per l’effetto,
A) ai sensi dell’art. 149, ultimo comma, D. Lgs. 209/2005, condannare la soc. “AlfaS.p.A.”, in persona del legale rappresentante p.t., al risarcimento di tutti i danni conseguenti alle lesioni subite dal sig. Primo nella residua somma di $ 2.732,61 – comprensivo del danno biologico, danno morale e spese mediche documentate - ovvero negli importi diversi minori o maggiori ritenuti di giustizia, oltre rivalutazione monetaria ed interessi nella misura di legge sulla somma rivalutata;
B) ai sensi dell’art. 141 D. Lgs. 209/2005, condannare la soc. “AlfaS.p.A.”, in persona del legale rappresentante p.t., al risarcimento di tutti i danni conseguenti alle lesioni subite dalla sig.ra Seconda nella residua somma di $ 4.059,11 – comprensivo del danno biologico, danno morale e spese mediche documentate - ovvero negli importi diversi minori o maggiori ritenuti di giustizia, oltre rivalutazione monetaria ed interessi nella misura di legge sulla somma rivalutata;
C) condannare la società convenuta al pagamento di spese, competenze ed onorari di causa da distrarsi in favore dei procuratori che si dichiarano antistatari.
In via istruttoria si chiede ammettersi:
• interrogatorio formale del sig. Quarto bis sulle circostanze di fatto di cui ai capitoli 1 e 2 di cui alla premessa del presente atto, esclusi ogni giudizio e/o valutazione;
• C.T.U. medico legale sulla persona della sig. Primo al fine di valutare la natura e l’entità delle lesioni subite;
• C.T.U. medico legale sulla persona della sig.ra Seconda al fine di valutare la natura e l’entità delle lesioni subite.
Si offrono in comunicazione, in fotocopia: 1) Relazione Incidente Stradale; 2) documentazione fotografica attestante i danni riportati all’autovettura _____________ tg. ________; 3) documentazione medica attestante le lesioni subite dal sig. Primo ; 4) documentazione medica attestante le lesioni subite dalla sig.ra Seconda ; 5) Relazione medico legale del dott. Flaviosulla persona del sig. Primo ; 6) Relazione medico legale del dott. Flaviosulla persona della sig.ra Seconda ; 7) Certificato di Assicurazione Alfa relativo all’autovettura Renault tg. __________; 8) lettera racc. a.r. Avv. Tullio. – AlfaS.p.A. datata 12.11.07 per Primo; 9) lettera racc. a.r. Avv. Tullio. – AlfaS.p.A. datata 12.11.07 per Seconda ; 10) racc. del _______ “AlfaS.p.A.” con allegato assegno n. _______________ dell’importo di $ 6.600,00; 11) racc. a/r del _________ Avv. Tullio – Alfa per Primo ; 12) racc. a/r del ________ Avv. Tullio – Alfa per Seconda ; 13) racc. del ________ “AlfaS.p.A.” con allegato assegno n. __________________ dell’importo di $ 2.050,00 intestato a Primo ; 14) racc. del ____________ “AlfaS.p.A.” con allegato assegno n. ________________ dell’importo di $ 2.050,00 intestato a Seconda con allegata lettera accompagnatoria, nonché quant’altro indicato nell’indice di cui al fascicolo di parte.
Ai fini della legge relativa al contributo unificato si dichiara che il valore della causa, è pari ad $ ___________, e che, pertanto, l’importo del contributo unificato ammonta ad $ ______.
Luogo, data
(Avv. Tullio) (Avv. Marcio)



Luogo e Data Avv.XXXX






Redazione: Tel 0958365088 - Email: redazione@dirittoitaliano.com