Atto di citazione - sinistro stradale - danno non patrimoniale - domanda proposta dal terzo trasportato ex art. 144 cod. ass.

  • Stampa

Giudice di Pace di....
ATTO DI CITAZIONE

La sig.ra Prima nata a ______________ il __________ C.F.: ________________ residente in _____________, Via __________ n._________ rappresentata e difesa dall'Avv. XXXX nel cui studio in _____________, via ________ n.__, elegge domicilio giusta procura in calce al presente atto (Si dichiara espressamente ai fini e per gli effetti degli artt. 133, 134 e 136, comma 3, c.p.c. di voler ricevere le comunicazioni di Cancelleria al seguente numero di fax: ______________);


PREMESSO CHE

1. in data ________, alle ore _________ circa, in _____________-, l’odierna attrice si trovava quale trasportata a bordo dell’autovettura ____________ tg. _______ di proprietà e condotta dal sig. Secondo;
2. la predetta autovettura percorreva l’autostrada ____________ proveniente da _________ con direzione _____________-;
3. successivamente come descritto dal verbale (doc.1) redatto dagli intervenuti agenti della Poizia di Stato, Sottosezione Polizia Stradale _____________ «giunto all’altezza del Km ___+____ in prossimità di ___________ il sig. Secondo perdeva il controllo del veicolo condotto il quale deviava bruscamente la propria traiettoria verso la destra della sede stradale urtando, all’altezza della progressiva chilometrica ____+____, la parte anteriore destra contro il sicurvia in cemento posto all’esterno destro della carreggiata interessata. Successivamente all’urto, di media entità, il veicolo condotto dal Sig. Secondo si capovolgeva sul fianco sinistro trovando stato di quiete come da accertamenti urgenti. Si esclude nella circostanza il coinvolgimento di veicoli terzi. Nell’evento infortunistico rimanevano feriti Prima , Terzo e Quarto trasportati dal veicolo protagonista».
4. in dette circostanze l’odierna attrice a seguito dell’urto, lamentava dolori al al capo, al volto, torace, alla spalla destra . La stessa veniva, pertanto, trasportata tramite autoambulanza presso il P.S. dell’Ospedale __________________ ove le venivano diagnosticati: «Trauma cranico. Trauma facciale con ferite l.c. regione malare sin., palpebra sup dx, regione parotidea dx; frattura ossa proprie del naso. Frattura clavicola dx». Quivi veniva ricoverata sino al _________ (doc. 2). Da dette lesioni sono residuati esiti di carattere permanente, come indicato nella relazione medico-legale del Dott. Flavio (doc.3);
5. in data __________, veniva inoltrata alla “ALFA S.p.A.”, Compagnia assicuratrice del veicolo di proprietà del sig. Secondo, formale richiesta di risarcimento danni in nome e per conto della sig.ra Prima ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 144 Cod. Ass. (doc 4);
6. la società convenuta con nota del ___________ nominava quale medico legale di parte il dott. Orazio (doc. 5), presso lo studio del quale la sig.ra Prima si recava a visita in data _________;
7. con racc. del ___________ la ALFA S.p.A. offriva alla sig.ra Prima a titolo di risarcimento dei danni subiti a seguito del sinistro de quo l’importo di € ____________ oltre € ___________ a titolo di onorari e così per un totale di € ______________ a mezzo dell’assegno bancario n. __________________- (doc.6);
8. l’odierna attrice tratteneva la suddetta somma a titolo di acconto sul maggiore avere, stante la palese incongruità dell’offerta formulata dalla controparte;
9. con riferimento alle lesioni patite dall’istante, vertendosi in tema di lesioni colpose, si richiede la liquidazione del danno morale;
10. vano è risultato ogni ulteriore tentativo di bonario componimento.

Ciò premesso l’esponente, come in epigrafe rappresentata, difesa e domiciliata
CITA
- la “ALFA S.p.A.” in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede legale in _____________-, Via _________ n. _____ (_______):
- il sig. Secondo residente in __________, Via ________ n.____ (__________);
a comparire dinanzi al Giudice di Pace di _____________-, nota sede di Via _________ n.__, Sezione e Giudice designandi, all’udienza del _______________ ore di rito – con invito a costituirsi in giudizio nel termine di venti giorni prima dell’udienza indicata ai sensi e nelle forme stabilite dall’art. 166 c.p.c, e con avvertimento che la costituzione oltre i suddetti termini implica le decadenze di cui agli artt. 38 e 167 c.p.c. e che in difetto di costituzione si procederà in loro contumacia ai sensi dell’art. 171 c.p.c – per ivi sentir accogliere le seguenti

CONCLUSIONI

Voglia l’Ill.mo Giudice di Pace adito, ogni contraria eccezione o deduzione reietta, così decidere:
- In via preliminare, esperire il tentativo di conciliazione ai sensi dell’art. 320 co.1, c.p.c.;
- nel merito, accertare e dichiarare l’esclusiva responsabilità del sig. Secondo in ordine alla produzione del sinistro in premessa e per l’effetto,
A) ai sensi dell’art. 144, D. Lgs. 209/2005, condannarlo in solido con la “ALFA S.p.A.”, in persona del legale rappresentante p.t., al risarcimento di tutti i danni conseguenti alle lesioni subite dalla sig.ra Prima Laura nella residua somma di € _______________ – comprensivo del danno biologico, danno morale e spese mediche documentate - ovvero negli importi diversi minori o maggiori ritenuti di giusPrima, oltre rivalutazione monetaria ed interessi nella misura di legge sulla somma rivalutata;
B) condannare la società convenuta al pagamento di spese, competenze ed onorari di causa da distrarsi in favore dei procuratori che si dichiarano antistatari.
In via istruttoria si chiede ammettersi:
• interrogatorio formale del sig. Secondo sulle circostanze di fatto di cui ai capitoli 1, 2 e 3 di cui alla premessa del presente atto, esclusi ogni giudizio e/o valutazione;
• C.T.U. medico legale sulla persona della sig.ra Prima al fine di valutare la natura e l’entità delle lesioni subite;
Si offrono in comunicazione, in fotocopia: 1) Relazione Incidente Stradale; 2) documentazione medica attestante le lesioni subite dalla sig.ra Prima ; 3) Relazione medico legale del dott. Flavio sulla persona dell’attrice; 4) lettera racc. a.r. Avv. Giammaruco. – Alfa S.p.A. datata 15.09.08; 5) nota “ALFA S.p.A.” di nomina del dott. Orazio; 6) racc. a/r “ALFA S.p.A.” con allegato assegno n. _________________________ dell’importo di € ____________.
Luogo, data
(Avv. ____________)

Il sottoscritto procuratore, ai sensi dell´art. 14 del D.P.R. 30.05.2002 n. 115 e successive modifiche dichiara che il valore del presente procedimento ai fini del contributo unificato è pari a €._________,00.

Luogo e Data Avv.XXXX






Redazione: Tel 0958365088 - Email: redazione@dirittoitaliano.com