Atto di citazione - sinistro stradale - fatto dannoso imputabile a più persone - applicabilità art. 2055 c.c.

  • Stampa

Giudice di Pace di....
ATTO DI CITAZIONE

Il sig. PRIMO nato a _______ il _________ C.F. _______________________ residente in ____________________ (___), Via _________ n.__, e la sig.ra SECONDA nata a ___________- il ________ C.F.: ________________, residente in ___________, Via _______ n.___; entrambi elettivamente domiciliati in ________________ preso lo studio dell’avv. ____________________ che li rappresenta e difende giusta delega in calce al presente atto, (Si dichiara espressamente ai fini e per gli effetti degli artt. 133, 134 e 136, comma 3, c.p.c. di voler ricevere le comunicazioni di Cancelleria al seguente numero di fax:____________)


PREMESSO CHE

1. in data 10.02.09, alle ore 18,45 circa in Saturnia, il sig. si trovava, alla guida del proprio autocarro WW tg. AA111AA, a percorrere a moderata andatura Via _________ con direzione __________;
2. giunto in prossimità della curva volgente a destra, presente all’altezza del civico n. 425, era preceduto nel medesimo senso di marcia a circa 60m di distanza dall’autovettura tg. BB222BB di proprietà del sig. Secondoe condotta dal sig. Terzo;
3. in detto frangente, la Auto tg. BB222BB nel percorrere la predetta curva andava a collidere con l’autocarro ZZ tg. CC333CC di proprietà del sig. Quarto e condotto dal sig. Quinto che percorreva Via Delle strade nell’opposto senso di marcia;
4. a seguito dell’impatto tra i predetti veicoli, il conducente dell’autocarro ZZ tg. CC333CC sig. Quinto perdeva il controllo del mezzo e andava ad urtare contro il veicolo dell’odierno attore, il quale nulla poteva fare per evitare l’impatto;
5. intervenivano sul luogo del sinistro gli agenti della Polizia Municipale di Saturnia, 20° Gruppo Municipale i quali provvedevano a redigere Relazione di incidente stradale. Sulla base di quanto rilevato dagli agenti accertatori non è stato possibile localizzare il punto d’urto;
6. stante il suddetto svolgimento dei fatti, alla luce della portata normativa del combinato disposto di cui agli artt. 2054 secondo comma e 2055 primo comma c.c. va affermata la responsabilità solidale di proprietari, conducenti e rispettive imprese di assicurazione relativi ai veicoli Auto tg. BB222BB e ZZ tg. CC333CC;
7. in seguito alla collisione, l’autocarro WW tg. AA111AA subiva ingenti danni alla carrozzeria ed alla meccanica, per un totale di € 4.000,00 come da preventivo allegato, oltre alle spese di trasporto del mezzo incidentato per un importo pari ad € 300,00 come da fattura allegata. Inoltre, appare equa la quantificazione del danno da fermo tecnico in € 500,00;
8. nella medesima circostanza, l’odierno attore, lamentava dolori al collo, al torace, al gomito sinistro ed alla gamba destra; lo stesso, pertanto, veniva trasportato a mezzo autoambulanza presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale “______” di __________ dove gli venivano diagnosticati: «Trauma toracico chiuso di tipo contusivo. Trauma contusivo gomito sin. Distrazione muscolare cervicale. Frattura epifisi prossimale perone dx»;
9. da dette lesioni sono residuati esiti di carattere permanente, come indicato nella relazione del Dr.Flavio;
10. il sig. Primo a mezzo dell’Avv.________ inoltrava alla Alfa Assicurazioni S.p.A., Compagnia Assicuratrice della Auto tg. BB222BB, formale richiesta di risarcimento danni ai sensi e per gli effetti di cui all’artt. 145 e 148 Codice delle Assicurazioni;
11. con raccomandata del 22.9.2009, ad integrazione di precedente datata 31.07.09, la compagnia convenuta comunicava di non poter formulare alcuna offerta di risarcimento in quanto: «Abbiamo ultimato gli accertamenti dinamici e cinematici per la ricostruzione dell’evento ed è, purtroppo, risultato che il Suo cliente sig. Primo non manteneva una adeguata distanza di sicurezza; pertanto non possiamo dare seguito alla Sua richiesta di risarcimento»;
12. detta ricostruzione risulta infondata, arbitraria nonché priva di ogni basilare criterio di ragionevolezza; e sulla base della stessa la società assicuratrice ha negato il risarcimento legittimamente richiesto dall’attore.

Tanto premesso il sig.ra Primo, come in epigrafe rappresentato, difeso e domiciliato

CITA
La Alfa Assicurazioni Sp.A. in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede legale in a comparire dinanzi al Giudice di Pace di _________, nota sede di Viale ________, Sezione e Giudice designandi, all’udienza del ___________ ore di rito –con invito a costituirsi in giudizio nel termine di venti giorni prima dell’udienza indicata ai sensi e nelle forme stabilite dall’art. 166 c.p.c., e con avvertimento che la costituzione oltre i suddetti termini implica le decadenze di cui all’art. 167 e 38 c.p.c. e che in difetto di costituzione si procederà in loro contumacia ai sensi dell’art. 171 c.p.c. per ivi sentir accogliere le seguenti

CONCLUSIONI

Voglia l’Ill.mo Giudice di Pace adito, contrariis reiectis, così provvedere:
In via preliminare, esperire il tentativo di conciliazione ai sensi dell’art.320 comma 1, c.p.c.;
Nel merito: accertare e dichiarare l’esclusiva o concorrente responsabilità del sig. Secondoin ordine alla produzione del sinistro in premessa e, per l’effetto, ai sensi degli artt. 145 e 148 Cod. Ass. condannarlo in solido con Terzo, proprietario della della Auto tg. BB222BB, nonché con la Alfa Assicurazioni S.p.A. in persona del legale rappresentante p.t.,
al risarcimento dei danni subiti dall’autovettura tg. AA111AA in favore dell’odierno attore nella misura pari al valore commerciale del mezzo quantificabile in € __________ oltre spese di trasporto per € _______ nonché fermo tecnico da quantificarsi in via equitativa in € 500,00 e così per un totale di € ____________, comprensivo deldanno biologico e del danno morale, nonché del rimborso delle spese mediche sostenute –e così per un totale complessivo di € _____________ ovvero negli importi diversi minori o maggiori ritenuti di giustizia, oltre rivalutazione monetaria ed interessi nella misura di legge sulle somme rivalutate. Con vittoria di spese, competenze ed onorari da distrarsi in favore dei procuratori antistatari.

Si offrono in comunicazione, in fotocopia: Relazione per l’incidente stradale redatta dalla Polizia Municipale del ___________________; - libretto di circolazione auto tg. AA111AA; preventivo di riparazione tg. AA111AAredatto da ___________; documentazione fotografica del mezzo incidentato tg. AA111AA; valutazione eurotax mezzo tg. AA111AA;documentazione medica Primo; documentazione spese mediche Primo; Relazione medico legale del Dott. Flavio; racc. a/r del __________ di richiesta di risarcimento danno Avv. Marco Tullio – Alfa Ass.ni S.p.A.ex artt. 145, 148 Cod. Ass.; e quant’altro indicato nell’indice di cui al fascicolo di parte.

Il sottoscritto procuratore, ai sensi dell´art. 14 del D.P.R. 30.05.2002 n. 115 e successive modifiche dichiara che il valore del presente procedimento ai fini del contributo unificato è pari a €._________,00.

Luogo e Data Avv.XXXX




Il sottoscritto PRIMO, nato a ____________ il __________, residente in ________, via ________n.______, C.F. ___________ informato ai sensi dell’art.4, comma 3, del d.lgs. n. 28/2010 della possibilità di ricorrere al procedimento di mediazione ivi previsto e dei benefici fiscali di cui agli artt. 17 e 20 del medesimo decreto, come da atto allegato, delego a rappresentarmi e difendermi, unitamente e disgiuntamente, in ogni stato e grado, anche esecutivo del presente procedimento, con ogni più ampio potere di legge - ivi compresa la facoltà di agire e resistere in riconvenzionale, di chiamare terzi in causa, di rinunciare ed accettare rinunce agli atti ed all’azione, di nominare sostituti, di transigere e conciliare, di incassare e quietanzare anche in relazione alle somme che saranno versate in sede esecutiva, di sottoscrivere qualsiasi atto giudiziale e stragiudiziale utile all'adempimento del mandato conferito - l’Avv. _____________ nel cui studio in _______, via _________, eleggo domicilio. Ai sensi e per gli effetti della L. 675/96, come sostituita dal T.U. 196/03, dichiaro di avere ricevuta apposita informativa e presto il consenso al trattamento dei dati, compresi quelli sensibili, direttamente o anche tramite terzi per ottemperare agli obblighi previsti dalla legge e al mandato conferito.



Redazione: Tel 0958365088 - Email: redazione@dirittoitaliano.com