Ricorso per D.I. su quietanza - spese assistenza legale - sinistro stradale - fase stragiudiziale

  • Stampa

Giudice di Pace di....
RICORSO PER DECRETO INGIUNTIVO

L'avv. PRIMO nato a _______ il _________ C.F. _______________________ residente in ____________________ (___), Via _________ n.__, elettivamente domiciliato in ________________ preso lo studio dell’avv. ____________________ che lo rappresenta e difende giusta delega in calce al presente atto, (Si dichiara espressamente ai fini e per gli effetti degli artt. 133, 134 e 136, comma 3, c.p.c. di voler ricevere le comunicazioni di Cancelleria al seguente numero di fax:____________)


PREMESSO CHE

1)      il ricorrente vanta nei confronti della Alfa Assicurazioni S.p.A. un credito di € 2.000,00 comprensivo di I.V.A. a titolo di onorari legali di per il proprio intervento professionale nella definizione transattiva del sinistro stradale occorso al proprio assistito sig. Secondo in data 11.04.2003 ed identificato presso la compagnia assicuratrice Alfa Assicurazioni S.p.A. con il n°  11111111111/11;



2)      con fax del 16.02.2004, inviato all’istante in data 17.02.2004 (doc.1), la Alfa Ass.ni S.p.A. formulava proposta transattiva al sig. Secondo offrendo la somma di €
7.830,00 a titolo di totale risarcimento del danno derivante dalle lesioni subite in occasione del sinistro in oggetto. La medesima società assicuratrice provvedeva contestualmente ad inviare il relativo atto di transazione e quietanza per l’importo di € 7.830,00 (doc.2) nonché atto di quietanza per gli onorari spettanti all’Avv. Primo (doc.3), liquidati per complessivi € 2.000,00 e come di seguito specificati:



Competenze e spese imponibili: € 1.616,69;



Spese non imponibili: € 21,18;



C.N.P. 2% : € 32,23;



I.V.A. su € 1.649,02: € 329,80;



TOTALE:  € 2.000,00;



Ritenuta d’acconto su € 1616,69: € 323,34;



NETTO DA CORRISPONDERE: € 1.676,66;



3)      l’avv. Primo, accettando la proposta transattiva formulata dalla controparte provvedeva, come richiesto dalla stessa Alfa, a rispedire con lettera posta prioritaria del 20.02.2004 (doc.4) gli atti di transazione e quietanza debitamente sottoscritti unitamente alla fattura inerente agli onorari legali come quantificati dalla società assicuratrice (doc.5). Detta lettera veniva anticipata a mezzo fax inviato il 20.02.2004;



4)       la Alfa Assicurazioni S.p.A. con posta prioritaria del 10.03.2004 (doc.6) inviava assegno n. ========-== intestato al sig. Secondo per l’importo di € 7.830,00, affermando testualmente ”Con riferimento al sinistro indicato in oggetto, come da atto di transazione e quietanza in nostre mani le trasmettiamo l’allegato assegno bancario” e ancora: ” 23-ONORARI LEGALI LIQUIDATI SEPARATAMENTE PER EUR.
2.000,00”;



5)      dopo una vana serie di colloqui telefonici cui non faceva seguito alcun riscontro da parte della società debitrice, con fax del 06.07.2004 (doc.7) la ricorrente sollecitava formalmente la corresponsione del suddetto importo;



6)      la Alfa Assicurazioni S.p.A. non dava alcun riscontro;



7)      dunque, la società debitrice, ad oggi, non ha adempiuto a quanto legittimamente richiestole;



8)      è, comunque, volontà del ricorrente recuperare la somma de qua.


Tutto ciò premesso, l’Avv. Primo, come sopra rappresentato, difeso e domiciliato



CHIEDE



che Codesto On.le Ufficio del Giudice di Pace adito, Voglia, con proprio Decreto, ingiungere alla Alfa Assicurazioni S.p.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via _________, n._, ___________; il pagamento della somma in linea capitale di € 2.000,00 oltre agli interessi legali dal dovuto saldo.



Con vittoria di spese, competenze ed onorari del presente procedimento.



Si producono in copia: 1) proposta transattiva Alfa inviata con fax del 16.02.2004; 2) atto di transazione e quietanza per l’importo di € 7.830,00; 3) atto di quietanza per gli onorari spettanti all’Avv. Primo; 4) posta prioritaria del 20.02.2004 inviata dall’Avv. Primo; 5) fattura n. 66/04 emessa dall’Avv. Primo; 6) posta prioritaria del 10.03.2004 con allegato assegno n. ______________; 7) fax del 06.07.2004 di sollecito di pagamento a firma Avv. _________ e quant’altro indicato nell’indice del fascicolo di parte.

Luogo e Data Avv.XXXX




Il sottoscritto PRIMO, nato a ____________ il __________, residente in ________, via ________n.______, C.F. ___________ informato ai sensi dell’art.4, comma 3, del d.lgs. n. 28/2010 della possibilità di ricorrere al procedimento di mediazione ivi previsto e dei benefici fiscali di cui agli artt. 17 e 20 del medesimo decreto, come da atto allegato, delego a rappresentarmi e difendermi, unitamente e disgiuntamente, in ogni stato e grado, anche esecutivo del presente procedimento, con ogni più ampio potere di legge - ivi compresa la facoltà di agire e resistere in riconvenzionale, di chiamare terzi in causa, di rinunciare ed accettare rinunce agli atti ed all’azione, di nominare sostituti, di transigere e conciliare, di incassare e quietanzare anche in relazione alle somme che saranno versate in sede esecutiva, di sottoscrivere qualsiasi atto giudiziale e stragiudiziale utile all'adempimento del mandato conferito - l’Avv. _____________ nel cui studio in _______, via _________, eleggo domicilio. Ai sensi e per gli effetti della L. 675/96, come sostituita dal T.U. 196/03, dichiaro di avere ricevuta apposita informativa e presto il consenso al trattamento dei dati, compresi quelli sensibili, direttamente o anche tramite terzi per ottemperare agli obblighi previsti dalla legge e al mandato conferito.



Redazione: Tel 0958365088 - Email: redazione@dirittoitaliano.com