Fallimentare

Ricorso per dichiarazione fallimento presentato da Procura per debiti tributari - dimostrazione di annullamento e impugnazione di atti e cartelle - rigetto ricorso



IL TRIBUNALE DI CATANIA
SEZIONE FALLIMENTARE
Riunito in camera di consiglio, nelle persone dei seguenti magistrati:
dott. Mariano Sciacca Presidente
dott. Fabio Letterio Ciraolo Giudice Rel. Est.
dott. Lucia De Bernardin Giudice
ha emesso il seguente
DECRETO
nel procedimento iscritto al n. r.g. 462/2019
PROMOSSO DA
PROCURA DELLA REPUBBLICA in sede;
RICORRENTE
CONTRO
E. SRL, elettivamente domiciliata in VIA CARMELO PATANE’ ROMEO 28 CATANIA, presso lo studio dell’avv. ESPOSITO GENNARO, che la rappresenta e difende giusta procura in atti;
RESISTENTE

Motivazione

Visto il ricorso per la dichiarazione di fallimento di E. S.R.L. IN LIQUIDAZIONE, depositato da
ritenuto che la resistente, nel rappresentare che la grandissima parte dell’esposizione debitoria è maturata a seguito del procedimento di prevenzione al quale è stata sottoposta (conclusosi con revoca della relativa misura), ha dedotto, depositando copiosa documentazione a supporto, di avere provveduto a impugnare sostanzialmente la quasi totalità dei crediti esattoriali indicati dalla ricorrente (v. pagg. 17 e ss. della memoria di costituzione e documentazione prodotta ivi richiamata), per cui ha rappresentato l’intervenuto annullamento in primo grado per almeno euro 8.127.190,00 (v. titoli giudiziali in atti), essendo gli altri crediti oggetto di provvedimento interinale di sospensione o di recentissima impugnazione sulla base di argomentazioni riportate nei singoli ricorsi che non appaiono immediatamente e di per sé destituite di fondamento o inammissibili (così come si evince dalle deduzioni di cui alle pagine 24 e 25 della citata memoria di costituzione, le cui circostanze sono state comprovate a seguito della documentazione prodotta in ragione del decreto collegiale del 19/12/2019);

ritenuto che la resistente ha dedotto di avere anche provveduto a estinguere la residua esposizione debitoria con soggetti privati o che le relative pretese devono dirsi estinte per prescrizione;

ritenuto che la ricorrente, alla luce del superiore quadro difensivo, non ha dedotto alcunché di specifico, non essendo nemmeno comparsa all’udienza del 7/1/2020;

ritenuto che non risulta a carico dell’intimata elemento alcuno idoneo ad evidenziare uno stato di decozione, che ne giustifichi la dichiarazione di fallimento, con la conseguenza che il ricorso deve andare respinto;

PQM

Visti gli artt. 5 e 22 L.Fall.
Respinge il ricorso.
Così deciso in Catania, il 09/01/2020
IL PRESIDENTE
dott. Mariano Sciacca



Redazione: Tel 0958365088 - Email: redazione@dirittoitaliano.com